Criticità per i giorni 9 e 10 febbraio 2017

Dove si trova

Descrizione

Il Centro Funzionale d’Abruzzo comunica che dalle ore 14:00 di oggi, , GIOVEDÌ 9 FEBBRAIO 2017, ALLE ORE 24:00 DI VENERDÌ 10 FEBBRAIO 2017 è previsto CODICE ARANCIONE (CRITICITÀ MODERATA) per RISCHIO IDROGEOLOGICO LOCALIZZATO su ABRU-A (BACINI TORDINO-VOMANO), ABRU-C (BACINO DEL PESCARA). e CODICE GIALLO (CRITICITÀ ORDINARIA) per RISCHIO IDROGEOLOGICO LOCALIZZATO sulle zone di allerta ABRU-B (Bacino dell'Aterno), ABRU-D1 (BACINO ALTO DEL SANGRO), ABRU-D2 (BACINO BASSO DEL SANGRO) e ABRU-E (Marsica). Si invitano i Comuni delle zone di allerta in cui è prevista criticità a prestare particolare attenzione e a mettere in atto le azioni previste dal Piano di Emergenza Comunale, in special modo nelle zone in cui sono presenti movimenti franosi in atto. http://allarmeteo.regione.abruzzo.it/bollettini/1570/avviso-di-criticita-criticita-n.-3-del-9-febbraio-2017

Come comportarsi

MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI RISCHIO FRANA

Ascolta la radio, cerca su internet o guarda la televisione per sapere se sono stati emessi avvisi di condizioni meteorologiche avverse o di allerte di protezione civile. Anche durante e dopo l’evento è importante ascoltare la radio o guardare la televisione per conoscere l’evoluzione degli eventi.
Ricorda che in caso di frana non ci sono case o muri che possano arrestarla. Soltanto un luogo più elevato ti può dare sicurezza.
Spesso le frane si muovono in modo repentino, come le colate di fango: evita di transitare nei pressi di aree già sottoposte a movimenti del terreno, in particolar modo durante temporali o piogge violente.

Prima:
• Contatta il tuo Comune per sapere se nel territorio comunale sono presenti aree a rischio di frana;
• Stando in condizioni di sicurezza, osserva il terreno nelle tue vicinanze per rilevare la presenza di piccole frane o di piccole variazioni del terreno: in alcuni casi, piccole modifiche della morfologia possono essere considerate precursori di eventi franosi;
• In alcuni casi, prima delle frane sono visibili sulle costruzioni alcune lesioni e fratture; alcuni muri tendono a ruotare o traslare;
• Allontanati dai corsi d’acqua o dai solchi di torrenti nelle quali vi può essere la possibilità di scorrimento di colate rapide di fango.

Durante:
• Se la frana viene verso di te o se è sotto di te, allontanati il più velocemente possibile, cercando di raggiungere un posto più elevato o stabile;
• Se non è possibile scappare, rannicchiati il più possibile su te stesso e proteggi la tua testa;
• Guarda sempre verso la frana facendo attenzione a pietre o ad altri oggetti che, rimbalzando, ti potrebbero colpire;
• Non soffermarti sotto pali o tralicci: potrebbero crollare o cadere;
• Non avvicinarti al ciglio di una frana perché è instabile;
• Se stai percorrendo una strada e ti imbatti in una frana appena caduta, cerca di segnalare il pericolo alle altre automobili che potrebbero sopraggiungere.

Dopo:
• Controlla velocemente se ci sono feriti o persone intrappolate nell’area in frana, senza entrarvi direttamente. In questo caso, segnala la presenza di queste persone ai soccorritori;
• Subito dopo allontanati dall’area in frana. Può esservi il rischio di altri movimenti del terreno;
• Verifica se vi sono persone che necessitano assistenza, in particolar modo bambini, anziani e persone disabili;
• Le frane possono spesso provocare la rottura di linee elettriche, del gas e dell’acqua, insieme all’interruzione di strade e ferrovie. Segnala eventuali interruzioni alle autorità competenti;
• Nel caso di perdita di gas da un palazzo, non entrare per chiudere il rubinetto. Verifica se vi è un interruttore generale fuori dall’abitazione ed in questo caso chiudilo. Segnala questa notizia ai Vigili del Fuoco o ad altro personale specializzato.

Immagini

  • Criticità per i giorni 9 e 10 febbraio 2017
    Inserita da Centro Funzionale d'Abruzzo

Commenti

Non ci sono commenti